home
sommario
noi
pubblicità
abbonamenti
mailinglist
archivio
utilità
lavora con noi
contatti
Logo Associazione Nazionale Volontari per la Protezione Civile
Patrocinio
Prociv - Arci
Associazione Nazionale Volontari per la Protezione Civile
RIVISTA

Del seguente articolo:

Aprile-Luglio/2018 - Alimentazione
La salute del nostro pianeta
Poca frutta e verdura per una dieta equilibrata
Giulia Nemiz Gregory

Se tutti gli abitanti del pianeta volessero seguire una dieta bilanciata, non ci sarebbe abbastanza frutta e verdura.
Secondo uno studio, condotto da un gruppo di ricercatori dell'università di Guelph (Canada), pubblicato su PLOS One, vi sarebbe una profonda discrepanza tra la produzione agricola globale e la potenziale richiesta di alcuni beni raccomandati dai nutrizionisti per una dieta corretta. Evan Fraser, uno dei ricercatori, spiega che «l'attuale sistema agricolo globale non permette a tutti di adottare una dieta sana, in quanto si ha una sovrapproduzione di cereali, grassi e zuccheri, mentre scarseggia di frutta e verdura e, in minor misura, anche di proteine».
Tra le altre cose, lo studio calcola il numero di porzioni per persona disponibili sul pianeta per ciascun gruppo alimentare, sulla base delle raccomandazioni alimentari della Healthy Eating Plate, dell'università di Harvard (Usa), sulla quale si legge che metà della dieta di ogni persona dovrebbe essere composta da frutta e verdura, il 25 per cento da cereali integrali e il restante 25 per cento da proteine, grassi e prodotti lattiero-caseari.
Lo studio fa una stima della superficie globale attualmente riservata all'agricoltura, e della superficie globale necessaria se tutti seguissero le raccomandazioni nutrizionali. Il tutto è stato proiettato al 2050, quando la popolazione mondiale raggiungerà i 9,8 miliardi di persone.
Secondo Fraser: «Quello che stiamo producendo a livello globale non è quello che dovremmo produrre secondo i nutrizionisti e questo è dovuto soprattutto al fatto che i carboidrati sono relativamente semplici da produrre e possono nutrire molte persone e questo fa sì che i Paesi in via di sviluppo si concentrino soprattutto su di essi».
D'altra parte i Paesi più sviluppati hanno da decenni sovvenzionano le produzioni nazionali di grano e mais, mentre hanno speso molto poco per l'innovazione delle colture a frutta e verdura. «Anche i grassi, lo zucchero e il sale, essendo gustosi, sono molto richiesti, così che l'offerta è aumentata nel tempo, ancora una volta a scapito di frutta e verdura», aggiunge il ricercatore.
I ricercatori sottolineano come sia assolutamente necessaria una svolta rispetto alla situazione attuale: «Se si spostassero le produzioni adeguandosi alle linee guida alimentari dietetiche - spiega Fraser - non solo si vivrebbe meglio, ma sarebbero necessari 50 milioni di ettari in meno di terra arabile, perché frutta e verdura richiedono meno terra da coltivare rispetto a cereali, zuccheri e grassi».
Senza alcun cambiamento, per nutrire 9,8 miliardi di persone serviranno 12 milioni di ettari in più di terra arabile e almeno un miliardo di ettari in più di pascoli, e tra desertificazione e cambiamenti climatici è difficile immaginare da dove si potrebbe recuperare tutta questa terra - se non abbattendo foreste.


<<precedente sommario successivo>>
 
<< indietro
ricerca articoli
accesso utente
login

password

LOGIN>>

Se vuoi
accedere a tutti
gli articoli completi
REGISTRATI

Scrivi il tuo libro: Noi ti pubblichiamo!

Le parole di una vita

Cittadino Lex

gg
   
Privacy Policy